COMUNIONI

Comunioni 2019: i “must” da tenere in conto per un buon servizio fotografico.

Servizio fotografico magico e creativo per la vostra Prima Comunione

Non mi stancherò mai di ripetere quanto è importante il giorno della Prima Comunione nella vita dei nostri figli; per il suo significato e impronta. I nostri bambini vivono questa giornata come un evento molto speciale, il quale hanno sognato e immaginato da tanto tempo. Per questo motivo, il reportage fotografico è una scelta importante, poiché sarà la testimonianza visiva di quella cerimonia negli anni a venire.

Alba Soler

Il mio consiglio è di non accontentarvi delle foto che parenti ed amici foto amatori scatteranno nella cerimonia. Dedicate una parte del vostro budget al servizio fotografico, vi assicuro che sarà un bel investimento. 

Il servizio fotografico deve essere la ricostruzione del racconto di quel giorno così speciale.  Fuggite dei tradizionali servizi fotografici, l’ album fotografico ci deve trasmettere un’emozione, un sentimento. 

El Pez Mariposa 

Immortalare l’ attimo così atteso e renderlo unico non è semplice. Le foto devono essere naturali e fresche. Dietro a questa semplicità, comunque, ci deve essere nascosto un lavoro molto meticoloso, che vada a curare ogni singolo dettaglio. 

Pia Alvero

E molto bello, data l’importanza dell’evento, fare partecipare anche fratelli e genitori . Tutti ne saranno felici!!!


El Pez Mariposa 

Sia che il servizio fotografico si realizzi all’aperto o in studio, si deve svolgere in una scena originale, diversa, e ci deve raccontare una storia, una emozione, un sogno.  

Ruth Zabalza

Se il servizio fotografico si realizza all ‘esterno, potete  scegliere un vostro posto preferito.

Camilla Parodin

Potete anche giocare a creare una scena del tutto diversa, divertente, magica, ma allo stesso tempo ingenua, fresca e naturale.

Pia Alvero

Il fotografo deve riuscire a”fare magia con le immagini” facendole diventare una storia, un messaggio che accompagni ai nostri figli nel tempo. 

Foto da Favola da Nicoletta Pavesi 

Il risultato finale deve essere un lavoro naturale, personale e di qualità.


Ruth Zabalza

Spero vi sia piaciuto questo post.

Se cosi è … grazie per la condivisione, ma soprattutto per avermi letto!!!

Seguitemi anche sulle reti sociali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *